Museo Mulino di Sopra
Museo della civiltà contadina e dell'attività molitoria

Una poesia dedicata al mulino

Vi proponiamo, per ultimo, questa bella poesia scritta dalla poetessa dialettale Mari Schiavini nel 1994, cui aggiunse: "omaggio a chi ha recuperato un gioiello della civiltà contadina".

A beneficio dei non cremaschi aggiungiamo la traduzione letterale, ben consapevoli che in quest'ultima viene meno non solo la metrica e la rima, ma anche il calore e l'intensità del sentimento proposto dall'autrice.

Madignà, vècc mülì da sura
turna l’aqua a cantà sóta la róda
le pale le sberlüs zamò a bunura
e ‘l sul ai lèca le sò góse
e pò j’andóra

Madignano, vecchio mulino di sopra
torna l'acqua a cantare sotto la ruota
le pale luccicano già di buon'ora
ed il sole lecca le sue goccie
e poi le indora.

Gh’è mia pö le us di caretér
ch’i taca sö i caài per fai partì,
gira la róda ma sensa müliner
vé pö gnà ‘n ubligat col melgutì
per rimedià an quai cupèl
da farina gialda
per faga la pulenta ai sò s’ciatì

Non ci sono più le voci dei carrettieri
che attaccano i cavalli per farli partire,
gira la ruota ma senza mugnaio
non vien più neppure un [contadino] obbligato col
granturco
per rimediare qualche
cupèl [unità di misura]
di farina gialla
per fare la polenta ai suoi bambini.

Le us adès j’è da tanta zént
che vé a trual
cume sa fà có j’amis dal cór,
an vècio ‘l s’è leat fin ai capèl
e ‘l varda töi chi bàfech con amór

Le voci adesso appartengono a tanta gente
che vengono a trovarlo
come si fa con gli amici del cuore,
un vecchio si è levato perfino il cappello
e guarda tutti questi oggetti con amore

I rét i bagai, i gióga
sö e zo per le scale del mülì,
sóta i cóp apéna reteciàcc
i canta a s’ciopacór j’usei.
Töt anturne la campagna arada
coi sò teré culur da tèra clena
la sa prepara a durmì per l’invernada

Ridono i bambini, giocano
su e giù per le scale del mulino,
sotto il tetto appena rintengolato
cantano a crepacuore gli uccelli.
Tutto intorno la campagna arata
con i suoi campi color argilla
si prepara a dormire per l'inverno

Gira la róda, ‘l canta ‘l vècc müli;
par che ‘l ma dize:
“Grasie! Sie malat bé e mi fat guari.
Benedècc votre... benedècc
che tegnì da cünt la memòria di vòst vècc!"

Gira la ruota, canta il vecchio mulino;
pare che mi dice:
"Grazie! Ero gravemente malato e mi avete fatto guarire.
Benedetti voi... benedetti
che tenete d'acconto la memoria dei vostri vecchi!"

Töt j’arnés che vedì, j’è sò da lur.
Gh’è dentre la fadiga da vif
e ‘l sò saur!”

Tutti gli arnesi che vedete, appartengono a loro.
Vi è dentro la fatica da vivi
ed il loro lavoro

 Ultimo aggiornamento: 03/05/2018


Contattaci
Un pratico modulo da compilare per corrispondere direttamente con gli uffici comunali.

torna all'inizio del contenuto